chi è il tuo cliente?


chi è il tuo cliente? quale problema o bisogno aspirazionale risolvi? la sua mappa cognitiva e gli schemi comportamentali sottesi sono ascrivibili ad una nicchia ben identificabile di mercato? 

mediamente i soggetti appartenenti all’esercizio di arti e professioni, tra cui gli architetti, identificano piuttosto sommariamente la figura del cliente. generalmente egli è un mezzo in previsione di un fine e tale fine soddisfa essenzialmente il bisogno egoico di riconoscimento del senso di sè, sia in termini materiali –  ovvero nello scambio di moneta per servizio prestato – che immateriali – autostima, bisogno di riconoscimento sociale e vanità. dopotutto  vanitas vanitatum, et omnia vanitas!

tale interpretazione non dovrebbe inorridire i puri di cuore.

, ,

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Che ne pensi? Scrivi il Tuo parere liberamente.x
()
x